Significato dei confetti per il matrimonio

Significato dei confetti per il matrimonio

Conoscete il significato dei confetti per il matrimonio? Questi piccoli dolcetti sono sicuramente il simbolo per antonomasia delle nozze. Già nell’antichità, precisamente in epoca romana, si utilizzavano per le celebrazioni solenni: l’unica differenza era il miele al posto dello zucchero. Secondo altre ipotesi il confetto nasce nel XIII secolo, sempre ricoperto di miele indurito. Con l’arrivo dello zucchero per opera degli arabi si arriva alla ricetta tradizionale. Risale al 1400 la nascita della produzione del confetto di Sulmona, apprezzato ancora oggi. Sempre nello stesso secolo e in questa zona si iniziano a confezionare le prime “bomboniere”, con confetti legati insieme da fili di seta e utilizzati per la decorazione di oggetti.

significato dei confetti

Significato dei confetti: serviteli con cura

Per il matrimonio la tradizione si è evoluta fino ai giorni nostri secondo un preciso rituale. La confezione deve contenere un numero dispari di confetti onde evitare una cattiva sorte. Il numero dispari infatti è indivisibile e proprio questo è l’augurio che viene fatto alla coppia. Rispettivamente cinque confetti simboleggiano fertilità, lunga vita, salute, ricchezza e felicità; tre rappresentano la coppia e un figlio, uno indica un evento unico. Il colore dovrebbe essere rigorosamente bianco per ribadire la purezza del nuovo legame.

Se volete rispettare le usanze la sposa dovrà distribuire confetti sfusi agli invitati, prendendoli con un cucchiaio d’argento.

Tra tanti tipi, quale scegliere?

Ecco poi qualche indicazione più pratica per la scelta del tipo.

Le mandorle usate sono prevalentemente di due qualità: quella di Avola, pregiata e di forma più piatta, e quella Californiana, di produzione industriale e dalla caratteristica forma più arrotondata. La prima è la scelta più elegante.

Potete poi allietare gli ospiti con la confettata, una ampia scelta di gusti diversi che devono affiancare senza sostituirla la tradizionale variante con la mandorla. Un suggerimento di stile? Torta Sacher o la sfiziosa Pera e Cannella.

confettata confetti matrimonio nozze

 

 

Nozze e tulipani: storia del fiore dell’amore

Nozze e tulipani: storia del fiore dell’amore

Il fiore associato al matrimonio è spesso la rosa, ma in realtà dovrebbe essere il tulipano. Nozze e tulipani sono un binomio vincente. Questo fiore bellissimo e semplice simboleggia infatti l’amore profondo, il legame che dura una vita. Ecco perché…

xd4a3486

Segreti e storia del tulipano: ecco perché sceglierlo

La sua storia è molto affascinante: il nome deriva dalla parola turca “tullband” che vuol dire “turbante”, al quale si avvicina la forma della corolla. Il tulipano sarebbe nato dalle gocce di sangue di un ragazzo che si suicidò perché infelice in amore. Nel 1500 il fiore acquistò una grande fama, perché il sultano Solimano il Magnifico lo amava molto. In questo periodo fu portato anche a Vienna e poi in Olanda e Inghilterra.

Oltre alla sua storia e al suo significato, è importante sapere che anche il colore è un elemento da non sottovalutare. Scegliere una tonalità o un’altra comporta la trasmissione di un messaggio specifico. Il tulipano giallo richiama il calore del sorriso, quello screziato la ricchezza degli occhi di chi lo riceve. Il rosa simboleggia un gesto d’affetto, mentre il bianco può essere collegato a una richiesta di perdono.

Il tulipano rosso, inutile dirlo, è un vero e proprio messaggio d’amore, una dichiarazione aperta di un impegno profondo.

decorazione tavola tulipani rossi

Per questo si può tranquillamente affermare che è proprio il tulipano il fiore del matrimonio. Perfetto nel bouquet da sposa, nelle decorazioni della location o della chiesa è azzeccatissimo in qualsiasi colore, ancora meglio se in splendido rosso vermiglio.

tulipani centro tavola

Sculture vegetali

Sculture vegetali

Le sculture vegetali decorano gli allestimenti di banchetti e ricevimenti con un tocco di personalità ed esotismo davvero raffinato. E’ possibile sbizzarrirsi con forme e soggetti di ogni tipo, sempre in armonia con lo stile del proprio evento. Le sculture su angurie, zucche, frutti e molti altri vegetali sono sofisticate e conservano la vitalità della materia prima che è deperibile quindi ha una durata limitata, ma è anche per questo “viva“.

Pavone vegetale
Pavone vegetale

Qualche curiosità sull’arte dell’intaglio Thai…

L’arte dell’intaglio di frutta e vegetali più famosa viene infatti dall’Oriente e più precisamente dalla Thailandia, dove è chiamata Kal Sa Luk ed è nata nel XIV secolo per mano di una imperatrice che, in occasione di una cerimonia, pensò di impreziosire un oggetto sacro con una decorazione su frutti e fare così cosa gradita al suo sposo. Da allora l’intaglio è diventato un patrimonio culturale prima femminile e poi di tutta la nazione e oggi è addirittura una disciplina di studio nelle scuole.

Sculture vegetali e catering: amore a prima vista!

Nel nuovo millennio l’intaglio Thai si è diffuso in tutto il mondo grazie a scuole internazionali di grande pregio. Le aziende di catering che amano stare al passo con le tendenze si sono appassionate a questa arte che sa essere al tempo stesso antica e moderna grazie alla combinazione sapiente di forme, colori e idee creative.

Da qualche anno l’arte dell’intaglio Thai si sta diffondendo anche in Italia. Il catering Maan è stato un precursore della tendenza, perché da molti anni propone queste decorazioni avendo appreso l’arte “all’origine”: Marco, uno dei soci fondatori, ha frequentato corsi e ottenuto certificazioni in Thailandia. Le cerimonie e i matrimoni organizzati dalla Maan a Roma e ai Castelli possono dunque avere su richiesta anche questa “firma” originale ed elegantissima.

Ecco qualche esempio delle nostre realizzazioni:

Mise en place

Mise en place

La mise en place, letteralmente “messa sul posto” o “messa a disposizione“, è un termine usato nella ristorazione che indica, nelle cucine professionali, la predisposizione di tutto il materiale necessario per un servizio di catering o banqueting.